Archivi categoria: Dal Parlamento

Perché Giorgio Napolitano non può essere il nostro Presidente della Repubblica?

Immagine

Leggi il resto di questa voce

Annunci

“Abolito il finanziamento ai partiti”…ma ne siamo proprio sicuri?

Negli ultimi 20 anni i partiti politici italiani hanno incassato oltre cinque miliardi di euro. Sono soldi che provengono dai cittadini, tramite le tasse o tramite le donazioni private.
La maggior parte di questo denaro consiste in un finanziamento pubblico erogato sotto forma di rimborsi elettorali, ma circa 1,9 miliardi di euro arrivano dalle donazioni di cittadini, aziende, fondazioni ed altre organizzazioni.

Questo è il tweet odierno del Presidente del Consiglio , ripreso poi dal vice Alfano e diventato in seguito il leitmotiv di tutte le homepages dei quotidiani online.
A questo punto ci sarebbe da festeggiare,dopo tante polemiche, dopo 20 anni dal referendum,dopo l’incostituzionalità sottolineata dalla Corte dei Conti, pare che il governo sia finalmente riuscito a dar voce al popolo, risolvendo l’annosa questione.
Ma purtroppo non è così. E purtroppo dobbiamo dire che lo immaginavamo.
Leggi il resto di questa voce

Il Governo se ne frega delle piccole e medie imprese

Immagine
Un emendamento del M5S al Decreto del Fare prevede che al Fondo di Garanzia a favore delle piccole e medie imprese possono affluire contributi su base volontaria per essere destinati alla microimprenditorialità.
Il provvedimento impegnava il Ministero dell’Economia e delle Finanze, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto, ad emanare un decreto per definire le modalità di attuazione e di contribuzione da parte di enti, associazioni, società o singoli cittadini. I novanta giorni sono passati ma, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, fregandosene delle difficoltà finanziarie in cui versano le piccole imprese, non ha ancora fatto nulla. Questo Fondo di Garanzia rappresenta il principale strumento nazionale a sostegno dell’accesso al credito per le PMI italiane. Il meccanismo di funzionamento del Fondo genera un importante effetto leva in grado di agire da moltiplicatore delle risorse di cui dispone, basti pensare che con un euro di dotazione del fondo, al sistema imprenditoriale arrivano tra i dieci e i venti euro. Ogni risorsa aggiuntiva destinata al fondo, risulta essere un importante strumento per dare una boccata di ossigeno al sistema produttivo. Per la prima volta in Italia, il M5S ha deciso di fare con atti concreti e non con le solite chiacchiere. Se avessimo potuto versare al Fondo l’ammontare della nostra prima restituzione, pari a 1.569.951 euro, avremmo potuto finanziare le PMI per un ammontare che poteva variare tra i 15 a 30 milioni di euro. Il M5S, per il secondo restitution day, ha atteso invano l’emanazione del decreto attuativo. Con amarezza, a 8 giorni dalla scadenza della seconda restituzione, al M5S non è ancora data la possibilità di poter versare le eccedenze al Fondo.

9 Mesi a 5 Stelle

“Cosa state facendo?”
Non è solo una sezione del nostro blog, ma una domanda che in tanti ci rivolgono. Molti in tono scettico,quasi canzonatorio.Molti altri animati da vera curiosità, dalla voglia di conoscere e capire se stiamo mantenendo le promesse.
Purtroppo le televisioni e i giornali non lasciano molto spazio alla nostra attività parlamentare, preferiscono concentrarsi sul gossip, su presunte scissioni, rotture e questioni di carattere strettamente politico.Ma noi non siamo politici, non siamo onorevoli; siamo solo cittadini nelle istituzioni.

Questo semplice video potrà servire a chiarirvi le idee, a rendervi conto di quanto in questi 9 mesi abbiamo fatto.Non è ancora finita, il percorso da fare è ancora lungo e tortuoso. Ma finalmente abbiamo capito che possiamo rivoluzionare questo paese pacificamente, dall’interno dei palazzi del potere.

Tutte le altre informazioni dettagliate sulla nostra attività parlamentare le potete trovare sulla sezione del blog “Cosa state facendo?

Il contagio del MoVimento

Immagine

E’ divertente sentire “il MoVimento 5 Stelle non ha fatto nulla” (attuale cavallo di battaglia di Renzi, che vuol far dimenticare il suo nulla a Firenze), e contemporaneamente aprire Repubblica.it e leggere il titolo di cui sopra a proposito della legge di stabilità.

Ora, provate ad immaginare se il MoVimento 5 Stelle non fosse esistito, o fosse rimasto un movimento di piazza che prende manganellate e basta, come gli Occupy americani o gli Indignados spagnoli. Sarebbe mai capitato di leggere, tutte insieme in un comunicato del Governo, frasi come “reddito garantito” o “taglio pensioni d’oro”?
Mai nella vita. Semplicemente inconcepibile. Leggi il resto di questa voce

E anche oggi hanno salvato le poltrone!

Il Partito Unico ha inserito nel decreto sul femminicidio (già questo è vergognoso) una norma salva-province. I deputati del PD, con argomentazioni stravaganti, ci hanno comunicato che loro sono assolutamente contrari alle province, d’altro canto hanno preso voti anche promettendo la loro abolizione per dare ossigeno alle casse dello Stato (gli “onorevoli” esponenti del partito del Condannato hanno almeno avuto la dignità di restare in silenzio). Bene, in aula (vedete video) gli abbiamo chiesto, utilizzando espressioni istituzionalmente decorose, di uscire con chiarezza allo scoperto! Di dichiarare, in modo trasparente e comprensibile a tutti, che il PD è per l’abolizione delle province (costano a noi cittadini decine di miliardi di euro, soldi che dobbiamo ORA investire nelle piccole e medie imprese e nel reddito di cittadinanza) e che NON si presenteranno mai ad elezioni provinciali. Il M5S pensa che la COERENZA sia un valore. Noi non dobbiamo piazzare su una poltrona un “compagno” (ieri dal pugno chiuso oggi di merende), non dobbiamo far accomodare qualche “leone da sezione”, non abbiamo mai accettato “proposte che non si possono rifiutare”, per questo non ci siamo mai presentati ad elezioni provinciali e mai lo faremo. Leggi il resto di questa voce

De Pin – Storie di uno scontro che non c’è mai stato

Repubblica lancia l’allarme: “M5S minaccia Paola De Pin: Ti aspettiamo fuori“. Santi numi! Un comunicato ufficiale del Movimento 5 Stelle ha annunciato che l’armata pentastellata porrà sotto assedio la casa di Paola De Pin, finché l’ex-grillina non sarà costretta ad abbandonare la sua abitazione e subire tremenda punizione corporale?

Facciamo un passo indietro.

Leggi il resto di questa voce

I partiti hanno fallito,andiamo a vincere!

Silvio Berlusconi invita i ministri del Pdl a presentare subito le dimissioni dal governo. E i ministri neanche 5 minuti dopo lo fanno, si dimettono. Comincia così di fatto la crisi di governo. Una crisi in nome dell’Iva, stando alle motivazioni dette dallo stesso Berlusconi.
I partiti hanno fallito,il MoVimento Cinque Stelle è l’unica forza politica in grado di ridare dignitá alla nostra nazione.
Con un governo guidato dal MoVimento Cinque Stelle nessuno rimarrá indietro : ci sará un reddito di cittadinanza per i disoccupati,un taglio drastico alle pensioni d’oro,la Costituzione più bella del mondo non verrá modificata in modo indecente,la scuola e la cultura avranno un ruolo di primaria importanza,non compreremo F-35 e tutti i privilegi della politica saranno debellati.
L’inutilitá di questa classe politica molto probabilmente ci porterá a votare con il Porcellum,tocca ai cittadini mandarli a casa per sempre!

20130928-195010.jpg

Siamo liberi, perché siamo solo cittadini.

Dal gruppo parlamentare del M5S alla Camera dei Deputati:

E’ insostenibile il ricatto del Pdl al governo del debito e delle tasse. Mentre il Paese sprofonda, Letta e i suoi ministri non fanno altro che prendere tempo su tutti i provvedimenti più importanti. E le intemerate di Berlusconi e dei suoi accoliti contribuiscono ad allargare la fossa che il Paese sta scavando intorno a sé.

Leggi il resto di questa voce

La supercazzola di Sinistra Ecologia e Libertá

Legge delega fisco: deputati 5stelle si astengono su proposta Sel per tassare i grandi patrimoni e le rendite finanziarie.
Il 25 settembre questo post ha fatto il giro del web,il nostro portavoce alla camera dei deputati Francesco Cariello con un post su Facebbok ha fatto chiarezza una volta per tutte.
Egli afferma che non si trattava di una proposta ma Leggi il resto di questa voce