Parchi eolici in Puglia. Ma l’ambiente?

Il nostro portavoce alla Camera,  Cariello, illustra un’interpellanza al Ministro dell’ Ambiente Orlando, concernente l’installazione di un parco eolico offshore al largo del golfo di Manfredonia.
Nello specifico, tale interpellanza è stata  ignorata dal Governo, il quale ha proceduto alla VIA (valutazione d’impatto ambientale)  nonostante fosse ben chiara la posizione del gruppo parlamentare del M5S, ed ancora prima di ricevere le varie interpellanze sul tema.
I 4 quesiti oggetto dell’interpellanza consistono in:

  1.  Se il Ministro ha avviato una mappatura completa della fascia di mare costiera, al fine di individuare le aree da assoggettare a tutela nei confronti della crescente quanto incontrollata proliferazione dell’installazione sul territorio nazionale di questa tipologia di impianti eolici, e per avviare una programmazione strategica dei parchi eolici per la cui realizzazione sarà necessario scegliere zone che non presentino possibili criticità sotto il profilo della compatibilità ambientale, paesaggistica e degli ecosistemi;
  2. Se il Ministro ha ritenuto opportuno, in fase di valutazione dei progetti presentati, tenere conto dell’eventuale processo di ripristino ambientale a seguito della dismissione degli impianti eolici;
  3. Se sono stati fatti studi approfonditi, avvalendosi eventualmente degli organismi e degli istituti di ricerca competenti, per valutare gli effetti sull’avifauna, sulla fauna ittica e sull’equilibrio della biosfera marina della realizzazione dei parchi eolici; a tal proposito si fa notare che il monitoraggio e la valutazione della mortalità di uccelli a causa di episodi di collisione con piattaforme e infrastrutture offshore misurata mediante la ricerca delle carcasse, risulta ancora più difficile rispetto ai siti terrestri per l’ovvia circostanza che le carcasse non vengono quasi mai ritrovate. Sono state invece sperimentate tecniche quali i sistemi radar, i sistemi di rilevamento termico di animali (thermal animal detection systems, TADS) e il rilevamento acustico. Ci chiediamo se tali tecnologie siano state prese in considerazione per la valutazione effettuata.
  4. Se il Governo ha tenuto in debito conto le prevedibili ricadute sulle attività della pesca e con particolare attenzione sullo sviluppo turistico e la salute dei cittadini.

Di seguito il video dell’interpellanza:

Mentre, la risposta del ministro Orlando, è la seguente:

Annunci

Pubblicato il 15/09/2013 su Ambiente, Energia & Rifiuti, Dal Parlamento. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...